”Duele”, la Colombia piange sangue.
Intervista agli artisti Susan Diaz, Stephyy e Arcano Chill.


Dettaglio eventi

  • Data:
  • Categorie:


 

Il popolo colombiano piange i propri figli uccisi da uno stato dittatoriale.
Dopo una settimana di proteste da parte della popolazione colombiana, contro una serie di riforme proposte dal governo di Ivan Duque, il 5 maggio 2021 viene colpito Lucas Villa, studente dell'Universita' di Pereira, da quattro proiettili mentre manifestava pacificamente nella sua citta'.
Il paese intero e' in ansia per l'accaduto ma il povero Lucas non ce la fara'.
Nel frattempo la canzone ''Duele'' di Susan Díaz, Stephyy & Arcano Chill, pubblicata il 6 maggio dalla compagnia musicale Areyanes Music, diventa il nuovo inno di questa protesta per commemorare tutti gli atti di violenza eseguiti dalle forze di sicurezza.
Ricordiamolo, il caso di Lucas Villa e' solo uno degli innumerevoli casi di abuso di potere da parte di un Narco-Stato sui manifestanti e sulla popolazione in generale. I giovani, i contadini e le popolazioni indigene sono i piu' colpiti da questi atti di incivilta' dittatoriale.
Quale Colombia lasceremo ai nostri giovani?
Ne parliamo con gli autori di ''Duele'' Susan Díaz, Stephyy & Arcano Chill mercoledí sera 19 maggio 2021 ore 20:00 (1:00 pm ora colombiana).
Conduce e traduce Gianluca Aresta per R.I.E. - Rete Informazione Europea.

https://rumble.com/embed/vel7or/?pub=dz6x2

Duele

Salgo por la ciudad
Dispuesto a luchar
Por toda la igualdad
Por qué un día mi madre dijo:
“No pares de soñar”

Pero no pensaba qué,
no iba volverla a ver
La vida no tiene valor pa ninguno
Que quiera soñar ya ves, una lucha sin Piedad
Mi madre se romperá, no llegare a casa
no llegaré a casa hoy.

Y duele, cada vida perdida duele
Y en Nuestro dolor ya se siente
Que es tiempo de luchar y nuestra voz alzar
Y nuestra voz alzar
En memoria de los que ya no están

Piden paz dime cómo se puede
hablar de paz, cuando el pueblo
oprimido está, me pregunto si
volverá la felicidad o la corrupción
se llevó lo poco que había, yo no sé
solo sé que rabia con rabia más rabia
da, si quieren paz ambas partes deben
dialogar ponerse a pensar al futuro de
Colombia que le quedará,

Lo vuelvo a intentar, quiero respirar
en cada paso pensar
Solía ser tan feliz
Y ahora todo se ha vuelto gris

Pero no pensaba qué, no iba volverla
A ver, la vida no tiene valor pa ninguno
Que quiera soñar ya ves, una lucha sin
Piedad, Mi madre se romperá, no llegare a
casa, no llegaré a casa hoy

Y duele, cada vida perdida duele
Y en Nuestro dolor ya se siente,
que es tiempo de luchar y nuestra voz alzar
Y nuestra voz alzar en memoria de
Los que ya no están Piden paz
dime cómo se puede hablar de paz,
cuando el pueblo oprimido está, me
pregunto si volverá la felicidad o la
corrupción se llevó lo poco que había,
yo no sé, solo sé que rabia con rabia

más rabia da, si quieren paz ambas partes
deben dialogar ponerse a pensar al futuro
de Colombia que le quedará.

Fa male

Esco in cittá
Disposto a lottare
Per tutta l´uguaglianza
Perché un giorno mia madre mi disse:
''Non smettere di sognare''

Peró non immaginavo che,
non l´avrei rivista
La vita non ha valore per nessuno
Che volevo sognare vedi giá , una lotta senza Pietá
Mia madre si spezzerá, non torneró a casa
non torneró a casa oggi.

E fa male, ogni vita persa fa male
E nel nostro dolore giá si sente
Che é tempo di lottare e alzare la nostra voce
E alzare la nostra voce
In memoria di coloro che giá non ci sono

Chiedono pace dimmi come si puó
parlare di pace, quando il popolo
é oppresso, mi domando se
tornerá la felicitá o la corruzione
si é portata quel poco che c´era, non so,
so solo che rabbia con rabbia piú rabbia
da, se vogliono pace entrambe le parti devono
dialogare, mettersi a pensare al futuro della
Colombia che rimarrá,

Torno a riprovarci, voglio respirare
in ogni passo pensare
un tempo ero cosí felice
E adesso tutto é diventato grigio

Peró non pensavo che, no sarei tornato
a vederla, la vita non ha valore per nessuno
Che volevo sognare vedi giá , una lotta senza
Pietá, Mia madre si spezzerá, non torneró a
casa, oggi non torneró a casa.

E fa male, ogni vita persa fa male
E nel nostro dolore giá si sente
Che é tempo di lottare e alzare la nostra voce
E alzare la nostra voce in memoria di
coloro che giá non ci sono, chiedono pace
dimmi come si puó parlare di pace,
quando il popolo é oppresso, mi
domando se tornerá la felicitá o la
corruzione si é portata quel poco che c´era,
non so, so solo che rabbia con rabbia

piú rabbia da, se vogliono pace entrambe le parti devono dialogare, mettersi a pensare al futuro
della Colombia che rimarrá.


TRADUZIONE spagnolo-italiano: Gianluca Aresta.

CREDITI:
Autores: Susan Díaz, Stephyy & Arcano Chill;
Producción: Waigy & Eduardo Tous;
Mezcla & Mastering: Waigy;
Estudio: Waigy records;
Piano: Eduardo Tous;
Cámara: Edwin Zabala;
Edición: Hamer Blanco;
Management: Oscar Areyanes;

Music Video By Areyanes Music DUELE ©️ 2021;

Susan Díaz Instagram;
Stephyy Instagram;
Arcano Chill Instagram.

Condividi

Lascia un commento